BALLE SPAZIALI: LOST WEED COLPISCE ANCORA

 

Tanto tempo fa in una penisola lontana lontana...

 

 

“ Sono tempi duri per la cannabis, i vari pianeti... hem...no... Stati della Terra, appoggiati dall'alleanza dell'Onu e di quella Sanitaria, stanno pian piano discriminando questa fantastica pianta, ma la strada sembra ancora lunga dal riconoscerla come specie nativa del pianeta.

Intanto sulla lontana penisola Italica si discute sul'induzione alla prostituzione legale, il Comandante Spaziale Salvini e il Comandante di Terra Di Maio stanno ingaggiando un duro braccio di ferro sulla possibilità di farsi una canna davanti al Quirinale oppure sul diritto all'igiene e alla fattura rimborsabile quando si va ai “convegni”... Lasciando intanto migliaia di pazienti senza scorte per curarsi!

In questi tempi bui una nuova speranza sorge, la Federazione Chimici della cannabis light si è alleata alla potente Flotta Ribelle Antiproibizionista, che dopo 60 anni di lotte, sangue e ricerca scientifica, hanno finalmente deciso di mandare tutto al diavolo e proporre una mezza e confusa legge/trovata publicitaria, che continuerebbe a discriminare la canapa e i suoi utilizzatori, senza tutelare realmente la trasparenza.

Dal remoto sistema di Busseto, purtroppo Lost Weed si è rotta totalmente le palle, ha deciso di non cedere al lato oscuro e denunciare la cosa!

Non ci voleva per la nostra Alleanza Ribelle! I nostri eroi, che avevano abilmente composto testi senza senso sulla "naturalezza" dei loro prodotti taroccati, ora si trovano costretti a scegliere se adeguarsi alla legge oppure preparare una nuova e brillante manovra elusiva!

Intanto, nel mercato Iperspaziale, aiutati da DARTH CANAPENER, tornano pian piano ad abbassarsi i livelli di cannabinoidi dei prodotti. Sui loro siti compaiono i primi articoli sul rapporto THC : CBD massimo raggiungibili in natura...”

                                                                                 spaceballs

Eh già, il lato oscuro della forza è davvero imponente in loro, là dove il CBD superava largamente il 20%, ora si vede il 10%. A sorprendere in realtà è stata la loro prontezza di riflessi nel “cambiare” prodotti così velocemente, anche quelli outdoor... Outdoor? Ma scusate la stagione outdoor non è nemmeno a metà!

Date retta al vostro istinto, Cari Lettori. Se questi taroccavano prima taroccano anche ora, acquistate da chi ha sempre lavorato onestamente e con riguardo per il consumatore. Vi ricordate? Tutti quei siti che avete scartato perché malgrado il bell'aspetto delle cime, il CBD era basso, tra il 3 e il 12% massimo, e il THC mai inferiore allo 0,2% (perché sensimilla è praticamente impossibile se non outdoor e il CBD sarebbe proporzionalmente molto basso)... Ecco tutti quei siti e i relativi prodotti erano, proprio come noi, semplicemente produttori/venditori di prodotti genuini e onesti, coltivati con l'idea di fare infiorescenze e derivati di qualità, anche a discapito della produzione, buone di natura, con i loro naturali principi attivi e senza trattarle!

Chi è onesto sempre, sempre lo sarà, mentre si sa.... Il lupo perde il pelo ma non il VIZIO! Quindi non sottovalutate mai il potere del lato oscuro, perché come direbbe il maestro Yoda, non è più forte ma... Più rapido... Più facile... Più seducente.

E sempre con una citazione di Yoda, per restare in tema, vi lascio riflettere Cari Amici: "FARE O NON FARE... NON C'È PROVARE!"

    Un saluto e che la forza sia con voi!

          Cri Lost Weed

 

*Il Team di Lost Weed ringrazia i due grandi Maestri del cinema Mel Brooks e George Lucas, dalle cui opere abbiamo simpaticamente tratto un'immagine e la chiave di scrittura dell'articolo.